santegidiese

 

 

Chiuso il primo conflitto bellico la passione per il calcio inizia a farsi sentire nella città di Sant’Egidio alla Vibrata.
1925. Un gruppo di ragazzi sportivi residenti in questa cittadina (soprattutto nel centro storico) organizzarono diversi tornei di calcio rionali nei campi, per quei tempi improvvisati, circoscritti alle zone comprese tra l’attuale piazza vecchia e via Roma. In quegl’ anni nella Val Vibrata non sussistevano squadre che praticassero questo sport, quindi parlare di calcio in quel periodo significava riferirsi direttamente alle cittadine di S. Egidio e a quella (storicamente rivale) di Nereto. 

 

    

S. Egidio non ha avuto da madre natura la fortuna di avere il mare, fiumi, laghi, o essere un punto strategico per la vallata ove poter, con il turismo, far fronte alle necessità materiali, quindi tutta comunità è stata costretta ad arroccarsi in difesa di quel poco che aveva salvaguardando la squadra di calcio che era il fiore all'occhiello dei santegidiesi.

1929/1930. Tra il 1929 e 1930 furono tracciati il primo rettangoli di gioco per il calcio, uno era ubicato al centro di Sant’Egidio, nell’attuale piazza Umberto I°, l’altro a circa 100 metri di distanza dalla piazza in direzione ovest il quale diventò, negli anni successivi, il glorioso Comunale di Sant’Egidio alla Vibrata. Da li in poi ogni domenica si disputavano incontri amichevoli con squadre di Grottammare, Tolentino, S.Benedetto del Tronto, Teramo, Giulianova e Nereto.

     


1945. Dopo il 1945, conclusa la Seconda Guerra Mondiale, si registrano i primi tentativi di ripresa con le squadre rionali,la maggior parte delle quali decisero di unirsi sotto il nome di A.S. ASCOLI. Sant’Egidio invece decise di andare avanti continuando a coltivare una passione nata tempo prima nello stesso paese.
1948. Fu proprio nell’agosto del 1948 che nasce ufficialmente l’Associazione Sportiva Santegidiese Calcio. L’A.S. Santegidiese Calcio 1948 inizia a disputare nella stagione 1948/1949 il campionato di 1° divisione Abruzzo.

1950. In questi anni nascono i primi movimenti organizzatori di tifo santegidiese, soprattutto si ricordano gravi disordini nel prima durante e dopo la partita contro Città Sant Angelo o anni dopo con il Nereto finite miracolosamente senza conseguenze gravi. 

1968. Nel 1968 durante il torneo estivo di S. Omero (allora molto famoso) la squadra della Santegidiese (non i tifosi) in seguito ad alcune scaramucce nel campo di giuoco scatenò una rissa gigantesca. La Lega Calcio fu inflessibile: RADIAZIONE. 

                                                      

La fortuna venne incontro perché in quello stesso anno furono vinti gli europei di calcio organizzati in Italia e l'allora Presidente della Repubblica Saragat fece una amnistia dei reati meno gravi, la Sant, ripartì dalla terza categoria e dopo una lunga cavalcata a ritmo di promozione anno dopo anno.
1971. Arrivò la prima storica promozione in serie D.

1974/1975. Nella stagione 1974/1975 la Sant dopo alcuni problemi a livello societario e con la Lega rischiò di scomparire dal calcio. Purtroppo dopo uno spareggio per rimanere in Promozione contro il Sassuolo e alcune partite casalinghe giocate fuori casa fu definita dai santegidiese di allora : “una retrocessione di categoria ma non di dignità”

1978/1979. Arriva la seconda promozione in serie D.


1981/1982. Fino alla stagione 1981/1982 la Sant disputa buoni campionati di metà classifica
1983. Tragica invece fu l’annata successiva in cui la squadra chiuse un pessimo campionato al 16° posto retrocedendo in promozione.

1988. L'apoteosi fu raggiunta il 1° maggio 1988, quando al vecchio Comunale, all'ultima giornata di campionato, arriva la capolista Raiano con un punto di vantaggio sulla Sant. Ad attendere i 200 tifosi raianesi c'erano 3.200 tifosi pronti a morire per veder tornar la Sant in serie D. Con gol di Di Giuseppe e Reginelli arriva la terza entusiasmante promozione in serie D, facendo scoppiare di felicità tutti i cittadini santegidiesi.

         

1990/1999. Gli anni '90 la Santegidiese non comincia nel migliore dei modi. Si emigra per sempre al nuovo stadio comunale e' inizia un certo disagio in quanto a tutti mancava il campo, la curva teatro di mille battaglie. La squadra non disputa un eccellente campionato ma gli stimoli ci sono perché in quegl'anni arrivano le fallite Teramo , Giulianova e Sambenedettese.

 

1999/2000. Arriva per problemi legati a vari problemi societari la retrocessione in Eccellenza nel 1999/2000 chiudendo l’ultima annata del secolo passato al 15° posto del campionato nazionale di serie D.


2000/2001. Arrivò il buio totale l’anno seguente dove la Sant si ritrovò a disputare il campionato di Promozione 

2002/2003. Dopo una ricomposizione della società si ritorna in Eccellenza disputando buoni campionati con tentativi di risalita in serie D partecipando ai play off nel 2002/2003 persi successivamente contro l’Avezzano.
Nel 2005 /2006 la quarta promozione nel campionato di serie D che farà ritrovare la passione del vero calcio santegidiese.
Entusiasmante le battaglie nelle ultime partite nel campionato 2007/2008 dei giallorossi che raggiungono in extremis l’agognata salvezza.

2008/2009. E' storia recentissima festeggiando il 60° anno di vita.

 



Homepage gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!